Foto 851 - Corteo per la Sposa.
CORTEO PER LA SPOSA

Via San Giovanni Bosco, anno 1958. Uscita dalla propria abitazione di via Leopardi a fianco del fratello Nicola che tiene sotto braccio, dopo aver percorso un breve tratto di via Mazzini, Marinella Nalmodi si dirige verso la chiesa dei Salesiani dove ad attenderla c'è Guliano Matassini e dove verrà celebrato il rito che li unirà in matrimonio. Come è tradizione tra le gente del Porto, l'uscita di casa della sposa, non passa mai inosservata ed è sempre accompagnata da un seguito di parenti e amici, che formano un vero e proprio corteo fino al luogo della cerimonia. Per la sposa è un momento ricco di emozioni. A passo deciso, con l'abito bianco e il velo che ne ricopre il volto lasciando trasparire un emozionato sorriso, il bouchet tenuto in mano quasi come fosse una reliquia, la giovane sposa percorre il centro della sede stradale, mentre molti ragazzi e bambini fanno ala al corteo in attesa di contendersi confetti e monetine che vengono lanciati al passaggio della sposa.
Le strade del nucleo urbano si presentano al passaggio con il loro fondo sterrato e sono ancora ben visibili e in buon numero le case con tetto basso costituite dal solo piano terra. Alcune abitazioni, oltre ai panni stesi ad asciugare, espongono sulla via, appese nella parte alta del muro di cinta, piccole gabbie dentro le quali canarini, o altre specie di piccoli uccelli come cardellini, allietano con il loro canto passanti e vicinato.

Nella foto si possono riconoscere:
In ordine sparso.: Marinella NALMODI (la sposa) - Nicola NALMODI (fratello della sposa) - Marisa GRILLI - Gaetano NALMODI - Maria RABUINI - Amelia GARDINI.

il mouse sopra la foto aiuta ad identificare i personaggi


Il riconoscimento di personaggi, luoghi ed eventi proposti in questa foto è reso possibile dalla collaborazione e partecipazione di cittadini che ne portano ancora viva memoria. Nel rispetto civico di tale importante contributo è gradita, in caso di pubblicazione in altri ambienti, siti o social network, la citazione delle fonti nonchè del sito www.portorecanatesi.it
TORNA ALL'ALBUM TORNA ALLA HOME PAGE