Foto 28 -Quando dai "frati"...
Quando dai frati.. si giocavano interminabili partite di pallone. Ogni pretesto era buono per inventarsi un torneo.
C'era quello della "gazzosa" che si disputava in estate mentre ogni periodo dell'anno andava bene per le sfide tra quartieri che, allora, erano tre: Sammarì, Castennou, Centro. Si giocava con ciò che in quel momento si aveva indosso.
Quando andava bene, ai piedi si portavano scarpette da tennis; quelle di pezza della "Superga" erano le più diffuse (forse anche perchè le più economiche).
Le magliette venivano indossate sopra gli abiti, servivano per distinguere le squadre ed erano fornite direttamente dell'Oratorio.
Il grande utilizzo le rendeva presto scolorite e sdrucite e poco importava se il giorno prima o, meglio, qualche ora prima, erano già state indossate da un altro "giocatore".
Così come i palloni di gomma nera o arancione, le magliette si trovavano in una stanza situata proprio a ridosso dell'androne di ingresso nelle immediate vicinanze del porticato che dava sul cortile.
Quella stanza era la più ambita, la più cercata dai ragazzi dell'Oratorio perchè dentro vi si trovavano gli strumenti del gioco.
Era l'unica stanza sempre chiusa a chiave e mai nessuno ha saputo spiegare perchè si chiamasse "Casa Bianca".

Nella foto una rappresentativa di Castennou.
In piedi da sin.: RIDOLFI Andrea - PORRECA Annito - PALANCA Pietro - DOFFO Pasquale
Accosciati da sin.: GIRI Claudio - CAMILLETTI Francesco - LEONARDI Massimo - GIRI Nunzio

il mouse sopra la foto aiuta ad identificare i personaggi

Fonte: portorecanatesi.it

TORNA ALL'ALBUM TORNA ALLA HOME PAGE