...da: «'Uria 'rturnà' ggiò 'l portu a 'ede' i foghi...»

URIA 'RTURNA' GGIO' 'LPORTU A 'EDE' I FOGHI
 
Si può dire che ogni verso è un verso di qualche vecchia filastrocca.
Il sonetto non vuol dire altro che nostalgia di cose pulite e giuochi sereni... in tempi di «Cosenostre» e di «Giuochi pericolosi».
 
 
Fantasia pupulare.


La lucciula de maggiu è calda calda;
va mettennu la brija a la caâlla
de notte lampa lampa sopra i campi
e la marina. E tu pare che 'nciampi.

E lia 1 quannu piuizzega2 sta calda...
La gatta va girannu 'nte la stalla
scuannu un curnicchiettu3 sott'i lampi
finchè, puretta, nu' je pia i grampi.

Cu' la lenguetta4 ce se fa la rete...
Cul cuppò trentadô se mostra un pò...
Cul girutonnu te ce ie' la sete...

Cu' san Pietru e Paulu opri la porta...
Cu' j Angeli te metti a 'rcoje' i fiori...
Cu' Modonna Dorè, che bella sorta!...




1  Lei, la lucciola.
2  Pioviggina.
3  Scovando un angoletto dove nascondersi.
4  Ago di legno per fare le reti.