da: «'N'altra annata»

 
 
 
Un orto due piante di fico ed una di bacche dolci. "Le giuggiule" bastano per far tornare alla memoria un orto che per noi era un altro Eden.
L'ortu de nonnu

Derète all'ufficina
c'era un ortu

tre piante sparse
tra i ricciuli de feru

per nonnu edèra un logu
de cunfortu

per no' ragazzi
un paradisu eru.

Un saltu nte la prima
eppò sui rami

per coje i fighi a barca
appena fatti

el lattu ce 'nneria
tutte le ma'

e addossu ce grattami
cume i gatti.

De fuga sopra i coppi
de stanziolu

per coje nte quel'altra
quelli a côre

le giuggiule
nun era 'ncora pronte

c'eêne besognu
d'un buccò de sole.

A sede, tra le foje,
nte le rame

spellami i fighi
per fa 'ndurmì la fame!


DEDICATO A EMILIO GARDINI - LE POESIE - da: «'N' altra annata»
a cura di: www.portorecanatesi.it