Racconti della mia vita... al Portu

di Luigi Pepa - lupepa@libero.it

an image Ho scoperto con vero piacere il vostro Sito e da buon portorecanatese...d'adozione (sono nato a Morrovalle, ma trasferito a Porto Recanati sin dal 1956) lo visito periodicamente per aggiornarmi.
Lo trovo interessante e, soprattutto, funzionale alla valorizzazione delle tradizioni e della cultura del paese, dei suoi personaggi più rappresentativi
(Emilio in primis che è sempre nei nostri cuori), del suo dialetto
(delizioso l'angolo delle poesie e dei racconti di Andrea).

Ho preso spunto proprio dai racconti, per scriverne due, veramente brevi, che sono un piccolo spaccato della mia vita al ......Portu.

Se li ritenete degni di attenzione, non ho nulla in contrario alla loro pubblicazione, senza alcuna pretesa; nel caso, vi prego di apportare eventuali correzioni al mio dialetto, sicuramente non troppo fedele al linguaggio portorecanatese.

Un cordiale saluto.
Luigi Pepa


El Giru d’Italia ....giò la marina

Da criature, nel mese de maggiu, ce’ piacea na’ mucchia giugà al giro d’Italia; i curidori erene i ciribilli o le rutelle de sughero culurate cume la majetta, le strade le facemi cul culu de Nenu strascinatu pe’ le gambe ‘nte la tera; facemi pure le muntagne cu la sabbia, pe’ aumentà i tiri de’ distaccu, la classifica de la tappa la segnaa sul quadernu Sandru Pitolu.
Tutti i santi giorni, dopu i frati, ce truami giò la marina per cure la tappa; erimi in tanti, iu, Nenu Tiseni, Vitto’ Sulazzi, Umbertì Lelli, Mariu Cegalina, Nazzarè del Tappettu, tutti cul ciribillu sua e quellu de la maja rosa; ragazzi cume ce divertimi; pure se nun c’era el premiu, che gustu a venge el giru!!!



Le vacanze da nonna Lisa

Quannu eru de casa a Murualle, el paese ndu’ su natu, dopu la scola mamma me spedia a Porturecanati, da nonna Lisa; ce ‘enìene pure Angelu e Saeriu.
Partimi cu la curiera de Perogiu, e riami daanti all’agenzia de Peppe, giò pel corsu. Nonna Lisa, appena ce ‘edea, cuminciaa cu le cantilene “.... cia, cia, cia è riati i Muruallesi!!!”
Cu la testa bassa, me ergugnau cume un ladru, dientau rosciu picciatu. I primi giorni erene i più brutti, parlami muruallese strettu e dai frati ce piaene in giru; pianu pianu, mparami el dialettu e cuminciami a dientà porturecanatesi.
Eru brau a giugà a pallò, ma ceu un viziettu bruttu: quannu faceu cagnara cu qualcunu, sputau ‘nte la faccia e fuggìu da nonna Lisa.
Quannu ‘enìene i genitori a prutestà, nonna je dicea “...... ‘ndate ‘mpu là, je sputa perchè je ole bè”.
Me ricordu sempre de Zefferì, el macellaru de la piazzetta; me piacea magnà le bistecche de postu, quelle cu l’ossu.
Nonna me dicea: “...vatte a pià na bistecca da Zefferì senza soldi, tantu nun te fa pagà”.
Ce ndau cunvintu, curìu cume un fulmenu; buccau nte’ la buttega e quannu Zefferì me edea da dietro el bangò, me dacea la carne nvuricchiata nte la carta gialla e rideu contuntu cume na Pasqua.
In casa c’era zi Cucchina, la zia de nonna Lisa, che era ‘na rompippalle.
Me chiamaa Luigiaccio e me recordu quannu pè fa merenda uleu le salciccie de fegatu, messe a seccà piccate ‘nte la trae de la cucina. Piau el curtellu, muntau sopra un banghettu, in punta de piedi me stirau tuttu; a mala pena riau ‘nte le salciccie e ne tajau una pe’ magnalla. Me ridea j occhi dalla cuntentezza e nun sentiu nemmeno zi Cucchina“... o Luigiacciu, tantu lu digu a noneta”



«I Frati»... le mie giornate estive all’oratorio

In dialettu li chiamami ...Frati......ndamu dai frati, ce edemu dai frati, so’ statu dai frati...”.
D’istati, riàa sempre un assistente, che purtàa la tonaga ma nun era ‘ncora prete, pe’ dà na mà a Don Luigi e qualche annu dopu a Don Fedele e Don Enniu Borgogna.
La mattina ndàmi sempre giò la marina, dopu el cantiere de’ Gardano e prima del fiume Putenza. Partimi prestu, con dò buttigliò d’acqua da dò litri; appena riati, li sutterami sotta la tera de la marina, pe’ mantenè l’acqua fresca.
Erimi ‘nà mucchia e passami la matinata a giugà alle “olimpiadi”; me recordu Vittò Sulazzi e Linu Palanca che me daène del filu da torce’. Dopu ce buttami  tutti in maru a fà el bagnu, prima de ‘ndà a magnà a casa.
Doppu magnatu, ndàcemi dai ...frati a giugà a carte, a bijardino, a ping pong, ma soprattuttu a pallò.
Me recordu che giugami sempre scalzi; i primi giorni sui brecci del campu da pallò era ‘nà tragedia. Parea de caminà sui òvi; dopu ce facemi el callu e curìmi tutti cume spie.
Tutti i santi giorni, ersu le sei, succedea el finimonnu; el prete piàa el fischiettu e ce chiamàa pe’ dì le uraziò.
Ragazzi, era un fuggi fuggi generale: chi se salvàa drentu i cessi, chi fuggìa dal cancellu del campu da pallò, chi dalla porta della chiege; a gnisciù ndaa giò de fermasse per dieci menuti a dì’ le uraziò.
Me recordu che facèu pure el chierichettu; el prete dacèa sempre un premiu a quellu che servìa più messe. Era na cursa a esse’ i primi e le messe servite le segnami ‘ntun foju piccàtu dietru la porta de la sagrestia; nà ò’ ù ventu ‘n’urulogiu.



D’istati... ’ntel cammerò

Era ‘na tradiziò pe’ i porturecanatesi de ‘ffittà ai “signori” le case pe’ l’istati; de solitu se sluggiàa e se ndàa a durmì ‘ntè la grotta de casa o  ‘ntun garage.
Nò erimi più furtunati perchè ‘ndacemi ‘ntel magazzì de zì’ Gerì’ che emi chiamatu “el cammerò”; d’invernu zi Gerì ce tenèa le nazze, le lancette e i muscò.
Mamma e zia c’èene purtatu ‘na mucchia de letti; ‘nsieme a nò, io, nonna Lisa de la ‘Ntona, mamma Luigia, zi Niculina, zì Albinu e mi cugini Angelu e Saeriu, ce durmiene pure zì ‘Milia e zì’ Guerinu el falegname, cu’ i fiji Francè Pacchenettu e Linetta; in tuttu erimi più de ‘nà diecina.
Ce diertimi ‘nà mucchia e la sera c’era l’appellu pe’ ‘edè chi mancàa e pudè chiude la porta del cammerò. Prima de’ ndurmentasse ce facemi quattru risate cu zì’ ‘Milia che piàa pel’ culu a zì’ Guerinu, su maritu. Ridemi cu le lagrime e ndami àanti per un bel pò, finchè pìami sonnu e ce ndurmimi tutti.
Me recordu i tempurali del mese de agostu; lampi, tròni e certi scrosci d’acqua che mettèene paura.
La strada de tera daànti al cammmerò se ‘llagàa sempre pèrchè le fogne erene poghe e se ‘ntasàene. Mettemi daanti la porta un taulò per nu’ fà buccà l’acqua drentu el magazzì e rcujemi cu i stracci quella che buccàa.; ‘n mezzu la strada se vedèene le pantegane che saltàene e la gente che je curìa dietru cu le scope.
Erene j anni cinguanta, e la vita per le fameje dei pescatori nun era facile e tuttu servià pe’ mucchià, cume le furmighe, un pò’ de soldi per l’invernu.