Foto 653 - Retanti.
Lungomare Lepanto, primi anni 60 del novecento.   Tarda mattinata di un giorno di primavera. Anziani uomini armati di linguetta, speciale utensile che serve per le operazioni di manutanzione (remacchiatura) delle reti da pesca, si sono dati appuntamento sul tratto di lungomare del centro urbano, proprio a ridosso della centrale via Mazzini, per eseguire urgenti lavori di riparazione su alcune reti da pesca. Alcuni di loro, un tempo, sono stati a bordo dei motopesca e conoscono a fondo il "mestiere di pescatore" e pi volte, loro stessi hanno "calato" altre reti in mare. Insieme danno vita ad un quadro che riproprone in modo fedele i simboli e le icone della vita al Porto. Il tipico "cariolo" - (carretto) - di legno solitamente usato dalle donne del Porto (purtannare) come mezzo di locomozione nella vendita ambulante di pesce, servito, in questo caso, per trasportare le reti sul posto di lavoro.
Le nazze (nasse) con il loro telaio di legno, usate per la stagionale pesca delle seppie, che qui attendono di essere ricoperte con la rete. Le sedie con il fondo in paglia, non di rado portate da casa, che aiutano a svolgere in modo pi comodo il lavoro di remacchiatura.
La grande rete da pesca con gli scrzi (galleggianti di sughero) bene in evidenza, che attende sul cariolo di essere presa in consegna.
Ciascuno svolge con cura il proprio lavoro riproducendo a memoria i vari passaggi di ricostruzione delle reti. Altri uomini fanno loro compagnia e scambiano dialoghi e considerazioni su aspetti diversi del vivere quotidiano. Non solo un modo di lasciar scorrere il tempo. I dialoghi espressi a volte a voce alta per dare vigore ad un concetto, altre volte con mezze parole o facendo riferimento ad antichi aneddoti o proverbi, servono a confermare e consolidare il rapporto di "vicinanza". Si conoscono tutti e ciascuno di loro spesso identificato con il soprannone che ne racconta anche la genia di appartenenza.
Quasi sempre, appena si fa una certa ora, i dialoghi si concludono con un nulla di fatto e ad uno ad uno, dopo aver salutato "Ce 'rvedemo; ad 'agu a pi el piattu" - (Arrivederci; vado a pranzo [o cena]) fa ritorno a casa.
Nella foto si possono riconoscere:
In ordine sparso: Domenico SOLAZZI - Pacifico GIORGETTI - Vincenzo GIORGETTI - Crispino CASTELLANI

il mouse sopra la foto aiuta ad identificare i personaggi

Fonte: portorecanatesi.it
TORNA ALL'ALBUM TORNA ALLA HOME PAGE